padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Padova AprileFotografia 2006


le altre mostre>>>

 

 

Museo Civico di Piazza del Santo, Palazzo del Monte di Pietà, Galleria Sottopasso della Stua, Cortile Pensile di Palazzo Moroni, Liceo Classico Tito Livio
sabato 8 aprile 2006 – domenica 4 giugno 2006

Padova Aprile Fotografia torna dall’8 aprile al 4 giugno a colmare di immagini e suggestioni una sequenza di spazi storici in tutta la città. Il tema che i curatori, Alessandra De Lucia e Enrico Gusella, hanno individuato per questa nuova edizione è quello delle "Visioni quotidiane". Ad essere raccontata dall’obiettivo di fotografi "storici" e contemporanei è infatti la quotidianità dell’uomo, singolo e specie, alle prese con lavoro, sogni e relazioni, con lo sport e l’ambiente, un uomo che riflette sulla propria immagine o che cattura, trasforma o semplicemente indaga l’immagine del mondo che lo circonda e, qualche volta, lo sovrasta.
Cinque le mostre proposte (quasi tutte "prime" nazionali) nella rassegna organizzata dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia del Comune di Padova, e ospitata in sedi storiche come il Museo Civico di Piazza del Santo, il Palazzo del Monte di Pietà, il Cortile Pensile di Palazzo Moroni e un altro luogo il Sottopasso della Stua, reso consueto agli appassionati di fotografia da anni di attività espositiva.
L’individuo è certamente il punto di partenza della fotografa svizzera Germaine Martin, protagonista della mostra "Photographies", promossa in collaborazione con il Musée Historique de Lausanne, che ne conserva il cospicuo fondo fotografico, e ospitata nel Museo Civico di Piazza del Santo. La rassegna, in prima nazionale, propone 150 immagini della fotografa losannese riconosciuta tra i maggiori "creatori della modernità". Allieva a Monaco di Frank Eugéne, uno dei fondatori della Photo Secession di New York e amico stretto di Alfred Stieglitz, Germane Martin inizia con la tecnica del nudo nello studio del marito, lo scultore Milo Martin, per il quale fissa le varie pose dei suoi modelli; ben presto ella farà di questo un campo di sperimentazione artistica e di libertà creativa, che utilizza in modo particolarmente magistrale, come testimoniano le affascinanti fotografie della bellissima etiope Mayomi Ziouma. Nei suoi trent’anni di carriera Germane Martin esplora con rigore le molteplici possibilità offerte dal mezzo fotografico, indagando i generi più differenti della fotografia – ritratto, nudo, reportage, nature morte, pubblicità – privilegiando composizioni nello stesso tempo ricercate e scarne, caratterizzate da inquadrature e luci inedite e audaci. Ritrae centinaia di anonimi e celebrità: Louis Armstrong, Clara Haskil, Arthur Honegger, Charles Ferdinand Ramuz, Maria José di Savoia e tanti altri.
La mostra esplora l’universo del nudo, del ritratto, del reportage e della pubblicità attraverso lo sguardo affascinante e unico di una donna all’avanguardia nella fotografia svizzera. In esposizione a Padova anche una serie di preziosi vintage.
Ancora all’uomo e al suo rapporto con l’ambiente guardano i fotografi della mostra "Prima Luce. Fotografie da Edward Weston a Mario Giacomelli", ospitata al Palazzo del Monte di Pietà. "Prima Luce" è una rara collezione di originali reperiti in giro per il mondo nel corso di molti anni e realizzati da alcuni dei più grandi maestri tra gli anni trenta e il 2000. Nucleo centrale dell’esposizione è la luce come fenomeno estetico assoluto. Immagini bellissime raccontano le mille trasformazioni della luce e dell’ombra quale risultato delle reazioni fisico-chimiche ottenute dai maestri dell’immagine fotografica. Tra gli autori presenti alcuni sono entrati a pieno titolo nella storia di questo rivoluzionario mezzo di comunicazione di massa ma anche di rinnovata espressione artistica: Edward Weston, Minor White, Barbara Morgan, Luigi Veronesi, Giuseppe Cavalli, Paul Caponigro, Mario Giacomelli, Robert Doisneau, Edouard Boubat, Ralph Gibson, e molti altri. E tra i capolavori in mostra sono da menzionare i fotogrammi di Luigi Veronesi, il famoso "Mushroom" realizzato nel 1931 da Edward Weston; una rarissima immagine di Ferruccio Leiss della fine degli anni ’40; i fotomontaggi costruttivisti di Barbara Morgan; le ricerche sulla "luce" nella Valle della Morte di Mroczynski; e la prima stampa di "Rifabbricarmi il mio mondo, i ricordi di un bambino nato nel 1925" di Mario Giacomelli.




Nell’anno dei Campionati Mondiali di Calcio, lo sport e la passione sportiva vengono raccontati da "Calcio, lingua universale", allestita al Cortile Pensile di Palazzo Moroni in collaborazione con l’Istituto di Cultura Italo – Tedesco e l’agenzia fotografica Magnum. Indipendentemente dall’età, dalle origini o dalla posizione sociale che occupa, l’uomo cede al fascino del pallone. Lo raccontano Cartier-Bresson, Abbas, Parr e tanti altri che hanno dedicato al calcio immagini in bianco e nero e a colori, per testimoniare come la passione calcistica, abbia sempre unito tutti i popoli della terra.
Nell’Aula Magna del Liceo Classico Tito Livio è allestita la mostra "Acqua fonte di vita", rassegna di carattere didattico, promossa in collaborazione con l’Associazione "Fratelli dell’uomo", costituita da una ventina di foto in bianco e nero di grande formato, realizzate da alcuni dei più grandi maestri del ventesimo secolo, tra i quali Elliott Erwitt, Francesco Zizola, Bruno Barbey, Jean Gaumy, Peter Marlow, Raymond Depardon, Abbas, John Vink, e selezionate dall’agenzia Contrasto Magnum. Le immagini indagano l’importanza dell’acqua, le differenti modalità di accesso nel mondo alla risorsa acqua bene comune, le disuguaglianze Nord/Sud e gli atteggiamenti di spreco e di cattiva gestione che ancor oggi caratterizzano i comportamenti individuali e le politiche degli Stati.
Alla Galleria Sottopasso della Stua altro grande appuntamento con la fotografia internazionale: "Frank Dituri. Lux Lunae". Propone un’accurata selezione di fotografie dell’artista americano (New York, 1948), che trasforma il quotidiano, l’ovvio e il riconoscibile in immagini che sfiorano il surreale. Le opere in mostra sono caratterizzate da un ricco gioco di tonalità in bianco e nero che creano un effetto estetico unico e uno stile individuale. Attraverso questo lavoro l’artista propone la sua personale ricerca sul quotidiano trasformato in immagini in bilico tra reale e surreale, tra esplicito e misterioso: atmosfere magiche, spesso oniriche, sempre evocative. La relazione tra realtà e finzione non risuona, in questi lavori di valenze morali, ma, rivela, attraverso il delicato ricorso al bianco e nero, il gioco misterioso e fantastico dell’intuizione senza regole. Vibra, negli scatti di Frank Dituri, una luce che non definisce i contorni dei soggetti fotografati, descrivendoli, ma è essa stessa protagonista dell’immagine.



In AprileFotografia anche alcune gallerie padovane presenteranno mostre fotografiche: In AprileFotografia anche alcune gallerie padovane presenteranno mostre fotografiche: alla Galleria Estro fino al 4 aprile espone Moreno Gentilie, dal 7 aprile al 20 maggio "Portraits" di Jens Lüstraeten, Morten Nillson, Marek Ther, e alla Fioretto ArteContemporanea si inaugura l’8 aprile alle 21.00 Odinea Pamici.

Padova AprileFotografia Rassegna Internazionale promossa dall’Assessorato alle politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia, a cura di Alessandra De Lucia e Enrico Gusella.

Orario: "Germaine Martin. Photographies" (Museo Civico di Piazza del Santo), "Prima Luce. Fotografie da Edward Weston a Mario Giacomelli" (Palazzo del Monte di Pietà): da martedì a domenica 10.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00; lunedì chiuso.

Ingresso: biglietto cumulativo 3 € (intero) 2 € (ridotto) per le mostre "Germaine Martin. Photographies" e "Prima Luce. Fotografie da Edward Weston a Mario Giacomelli".

Le mostre "Frank Dituri. Lux Lunae", "Calcio, lingua universale", , "Acqua, fonte di vita" sono consultabili sul sito internet: cnf.padovanet.it;
Centro Nazionale di Fotografia tel. / fax 049 8721598; tel. 049 8722531; info: cnf@comune.padova.it

Uffcio Stampa Studio Esseci tel 049 663499 info@studioesseci


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 25-06-2018 ]