padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Valeria Magli - bal blanc


le altre mostre>>>

 

 

Ridotto del Teatro Verdi (via dei Livello 32)
sabato 21 aprile 2007 – domenica 27 maggio 2007

Nell’ambito delle manifestazioni "Padova Aprile Fotografia. Passaggi/Paesaggi" e Prospettiva Danza 2007, si inaugura venerdì 20 aprile 2007 alle ore 18.00 nella Sala Ridotto del Teatro Verdi (Via dei Livello, 32) la mostra fotografica "Valeria Magli - bal blanc".
La rassegna, promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia e a cura di Enrico Gusella, presenta una raccolta di lavori dell’artista Valeria Magli.
Ballerina, pensatrice volteggiante e funambolica dalle molteplici identità. Così è stata definita Valeria Magli, una vera performer, ancor prima che questa parola divenisse di moda.
La sala del Ridotto del Teatro Verdi sarà lo spazio scenico ideale alle pose morbide e aeree dell’artista. Immagini a colori e in bianco e nero cariche di movimento, scie di costumi e tessuti che sembrano muoversi nell’aria racchiusa di un plexiglas. Un corpo ondeggiante che si modella nei gesti della danza e della recitazione, ma fissato e arrestato negli scatti fotografici.
Ogni immagine ritrae Valeria mentre "indossa" i corpi di altre figure femminili in un trait d’union tra musica, danza, pittura e poesia. L’artista sceglie personaggi trasgressivi e innovativi e si immerge nei loro mondi ai primi decenni del secolo scorso, gli anni più luminosi delle avanguardie. Donne spregiudicate e intrepide, vogliose di scoperte, sospinte da una fantastica ironia, pronte a ribaltare regole sociali ed espressive,: Isadora Duncan, Coco Chanel, Suzanne Lenglen. Un universo di personaggi trasgressivi e innovativi.
Valeria Magli si confronta con queste figure femminili allo stesso modo che con i lavori di grandi maestri dell’arte: il Die Puppe di Hans Bellmer, le marionette di Valentine Hugo, la donna meccanica di Max Ernst, la danzatrice satirica di André Kertész, oggetto delle sue deformazioni fisico-fotografiche o anche le donne di oggi raccontate da Lina Sotis nel libro "Una come tutte".

biografia

L’avventura creativa di Valeria Magli ha inizio a Bologna. Qui compie studi di pianoforte al Conservatorio, di danza classica ed entra nella squadra di ginnastica artistica.
Si laurea in filosofia con Luciano Anceschi con una tesi su "Corpo e spettacolo" preparata in Germania all’Università di Tubinga dove segue corsi di danza e improvvisazione, tecnica Laban e danza espressionista.
A Roma si perfeziona in tecnica Graham con Elsa Piperno.
La prima esperienza teatrale è come attrice nello spettacolo L’Amleto non si può fare di Vittorio Franceschi con la regia di Francesco Macedonio.
Le ballate della signorina Richmond su poesie di Nanni Balestrini è il lavoro con cui inaugura una ricerca particolare su danza e poesia, a cui fa seguito la storica performance Le Milleuna con testo dello stesso autore e la voce di Demetrio Stratos.
Valeria Magli alterna lavori squisitamente teatrali a performances create per gallerie e musei.
Il centro della sua ricerca è il linguaggio del corpo sulla scena: un corpo danzante e recitante insieme che si misura anche con le moderne tecnologie.
Il bagno di Diana, lavoro di teatro-danza realizzato con Pierre Klossowski, autore del testo, viene prodotto a Parigi dalla compagnia "Jean Louis Barrault – Madeleine Renaud".
Dagli appunti visivi e dalle coreografie dei suoi spettacoli nascono Righe a ballo e Vingt Plateaux, due mostre personali a Milano.
Gli ultimi lavori video e teatrali Tennis Girl e Coco e le altre hanno come tema le donne eccentriche del ’900.

"La dimensione ludica, il disegno estetico, sempre in bilico tra un’esasperante semplicità e una raffinata eleganza, appartengono ad una modernissima arte concettuale. E in fondo il progetto complessivo di Valeria Magli con la sua tecnica spuria, sospesa, un po’ camminata e un po’ danzata, un po’ acrobatica e un po’ recitata è concettualizzare la danza".
Marinella Guatterini

Spettacoli e performances sono stati presentati:

Théatre du Rond-Point - Parigi
Festival dei Due Mondi - Spoleto
Centre Georges Pompidou - Parigi
Hunter College Theater - New York
Circulo des Bellas Artes - Madrid
Museé Matisse - Nizza
Piccolo Teatro - Milano
Biennale Arte - Venezia
"Valeria Magli - bal blanc ".
Mostra promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia.
Mostra a cura di Enrico Gusella.
Direzione della mostra: Alessandra De Lucia.

Ridotto del Teatro Verdi, Padova
21 aprile – 27 maggio 2007
Orario: da martedì a venerdì 15.30-19.00; sabato e domenica 10.00-13.00 e 15.30-19.00
Chiuso il lunedì e 1° maggio

Segreteria della mostra: Anna Alexander, Martina Bellotto, Anna Defrancesco, Luca Lunardi
Tel. 049 8204518/4525 cnf@comune.padova.it cnf3@comune.padova.it

Ufficio Stampa: Studio Pesci di Federico Palazzoli, via G.Petroni 18/3 40126 Bologna
tel. 051 269267 fax 051 2960748 www.studiopesci.it - info@studiopesci.it

Con il sostegno di APS Advertising


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 19-04-2018 ]