padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Antonella Monzoni. Ferita armena


le altre mostre>>>

 

 

Centro Culturale San Gaetano
domenica 1 novembre 2009 – domenica 13 dicembre 2009

Si inaugura sabato 31 ottobre alle ore 18:00 nel Centro Culturale Altinate - San Gaetano (via Altinate) la mostra "Antonella Monzoni. Ferita armena".
Promossa dall’Assessorato alla Cultura – Centro Nazionale di Fotografia, l’esposizione, che sarà presentata dalla scrittrice Antonia Arslan e dal fotografo di reportage Gianni Berengo Gardin, apre la serie di iniziative della rassegna "Immaginare l’Armenia", un omaggio a un popolo e a un Paese che ha visto nel corso della propria storia un continuo alternarsi di drammi, tragedie e rinascite.
Costituita da una quarantina di fotografie in bianco e nero, la mostra "Ferita armena" narra, attraverso i suoi luoghi, la sua ritualità e la sua gente, la tormentata storia di un popolo che dal 1915 alla fine degli anni Ottanta, è stato vittima di un genocidio, è finito in diaspora, ed è sopravvissuto al terribile terremoto del 1988. Un quadro pertinente di queste scene è raccontato in catalogo dalla stessa Antonia Arslan che scrive: "Pioggia, neve, paesaggi battuti dal vento, miserevoli costruzioni sovietiche in disfacimento, e tanti fiori per terra, davanti al monumento del genocidio sulla collina delle rondini; ma anche pugni alzati, come un simbolo dell’eterna lotta degli armeni perché gli eventi terribili del 1915 non rimangano sepolti nell’oblio. E gli sguardi, su cui pesa un’infinita, antica tristezza. Eccola, la "ferita armena". Un titolo che richiama, suggestiona, convince."
Così la fotografa emiliana, attraverso un originale reportage, individua i soggetti facendone risaltare i dettagli, senza mai perdere quell’istintività fotografica che sviluppa in una composizione equilibrata. Per lei fotografare è un rito, un procedimento fotografico e uno strumento di conoscenza critica del cerimoniale religioso o pagano, un mezzo per condividere l’esperienza comunitaria del rituale.
Per l’artista il viaggio è l’elemento iniziale, la dimensione sociale ed emotiva della realtà dove privilegiare una visione narrativa intensa, frammentaria e poetica per raccontare la vita quotidiana dei luoghi, e di un popolo, quello armeno, di cui traduce in immagini i volti e i paesaggi, la profonda spiritualità, la tristezza, la necessità e i ricordi del passato. Le fotografie raccontano luoghi e gesti, lo spirito collettivo della comunità che si stringe nella commemorazione in volti segnati o pieni di orgoglio e di vita.
Attraverso il bianco e nero, Antonella Monzoni cura i dettagli improvvisi e le sfocature. Ama i forti contrasti, che emergono attraverso i neri densi e profondi. Il suo chiaroscuro pone l’accento su una lettura antropologica della fotografia, il cui rito vive come metodo di conoscenza critica della realtà da indagare. Villaggi, case e pietre sono i simboli della memoria di un popolo, le tracce dell’appartenenza a una cultura: il degrado e la fatiscenza di fabbriche, case e palazzi si sostituiscono lentamente con la ricostruzione. Allo stesso modo ai volti degli anziani solcati dalla fatica e dal dolore seguono i giovani che guardano al futuro con gioia e speranza: tutti comunque mostrano la fierezza dell’appartenenza ad una cultura antichissima.
La fotografa si accosta con discrezione a una realtà in cui l’immagine si riempie di una nuova vitalità, da un lato priva di denuncia, dall’altro densa di soggettività intima e personale.
Il suo reportage è un modo per stabilire una relazione con gli altri, una linea di incontro tra due culture diverse: il suo compito è gettare un ponte tra diverse realtà. L’occhio della Monzoni si prolunga così nella ferita mai rimarginata della comunità armena, trasmettendo emozioni autentiche, mostrando la vita quotidiana e le storie semplici di un popolo.
Nel corso della rassegna "Immaginare l’Armenia" avranno luogo una serie di incontri (film e spettacoli) che contribuiranno alla conoscenza della realtà armena.
Venerdì 13 novembre alle ore 21:00 verrà proiettato in lingua francese "Nous avons bu la même eau" (2007-2008), per la regia di Serge Avedikian (presentano Antonia Arslan e Sirio Luginbühl).
Mercoledì 25 novembre, sempre alle ore 21:00 sarà la volta del film "Sans retour possible", (2006, in lingua francese), per la regia di Serge Avedikian e Jacques Kebadian.
Infine, sabato 28 novembre alle ore 18:00, "Terepia – Teatro di figura" e la "Casa di Cristallo" presentano: Nel Paese Perduto. La civiltà armena nei versi di Daniel Varujan e Antonia Arslan - musica "Armenian Duduk Echoes" di Claudio Fanton eseguita da Claudio e Pietro Fanton.

Biografia

Antonella Monzoni vive e lavora a Modena. Si accosta al linguaggio fotografico nel 2000 e fin dagli esordi la sua scelta appare precisa: il reportage.
Ha conseguito numerosi premi tra cui: Portfolio Savignano (2003); Fotografia Solighetto, Fotografia in Puglia (Alberobello, 2004); dal 2005 al 2007 il Premio FotoConfronti - Centro Fotografia d’Autore Bibbiena.
Il Premio Mario Giacomelli 2007 le è stato attribuito per il lavoro Madame che l’ha vista selezionata a PhotoEspana-Descubrimientos 2008.
Il "Premio Chatwin" per la fotografia 2007 per Somewhere in Russia, e la Menzione d’onore International Photography Awards 2008 e Silver Award a Orvieto 2009 Categoria Reportage per Silent Beauty.
Con Ferita Armena ha ricevuto la Menzione Speciale Amnesty International dei Festival dei Diritti (2009) lavoro che l’ha vista finalista al Premio Amilcare Ponchielli 2009, e per il quale è stata selezionata a "Visa pour l’Image" 2009 di Perpignan in Francia.
Di recente le è stato riconosciuto il Best Photographer Award al Photovernissage 2009 di San Pietroburgo ed è stata nominata "Autrice dell’Anno 2010" dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografiche.
Ha pubblicato due libri: "Benedic Anima Mea", indagine sulle liturgie dei frati dell’Abbazia di Sant’Antimo-Siena (2004), e "Lalibela", reportage delle cerimonie notturne ortodosse dalla capitale religiosa dell’Etiopia (2005).
Vanta la collaborazione con Gianni Berengo Gardin nella realizzazione del libro "Il venerdì del preziosissimo sangue" (2008).
Da annoverare tra le sue esposizioni, personali e collettive, che hanno avuto luogo in Italia: Persona (Venezia), Premio Giacomelli (Benevento), Centro Fotografia d’Autore Bibbiena, Fucecchio Fotografia (2007); Donne Esposte - Festival FotoGrafia Roma, Progetto Europeo Hanging Around Modena, Marghera Fotografia (2008); Obiettivo Trentino Fototrekking - Mart di Rovereto (2009).
Altre le mostre che si sono svolte all’estero: Saint Petersburg Manege, Montpellier Boutographies, Brighton Crane Kalman Gallery, Londra Host Gallery, Madrid Photoespana, Montpellier Espace Transit, Chalon sur Saône Galerie du Chatelet.

Accompagna la mostra un catalogo con la presentazione istituzionale del sindaco Flavio Zanonato e dell’Assessore alla Cultura Andrea Colasio, e i testi critici di Antonia Arslan e Enrico Gusella.




Mostra promossa dall’Assessorato alla Cultura - Centro Nazionale di Fotografia, a cura di Enrico Gusella



Mostra a cura di Enrico Gusella. Direzione della mostra Alessandra De Lucia

Informazioni

Padova, Centro Culturale Altinate / San Gaetano (Via Altinate)
1 Novembre - 13 dicembre 2009
Orario da martedì a domenica 10:00 – 19:00
Lunedì chiuso
Ingresso libero




Centro Nazionale di Fotografia
Palazzo Zuckermann - Corso Garibaldi, 29
35122 Padova
Tel. + 39 049 8204518 / 8204530
Fax + 39 049 8204532
e-mail:gusellae@comune.padova.it
cnf@comune.padova.it

Eventi collaterali alla mostra

13 novembre ore 21.00
Nous avons bu la même eau

Regia di Serge Avédikian
2007/2008, durata ’72 (francese), prima visione
presentano Antonia Arslan e Sirio Luginbühl

25 novembre ore 21.00
Sans retour possible

Regia di Serge Avédikian e Jacques Kerbadian
2007/2008, durata ’72 (francese), prima visione
presenta Sirio Luginbühl

28 novembre 2009 ore 18.00
"Terepia - Teatro di figura"
e "Casa di Cristallo" presentano

Nel Paese Perduto
La civiltà armena nei versi di
Daniel Verujan e Antonia Arslan

Voci Antonia Arslan
Isabella Vettorel
Roberto Bonaldi

Musica "Armenian Duduk Echoes"
di Claudio Fanton
eseguita da Claudio e Pietro Fanton

Light designer Maria Rigotti

Ingresso libero


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 24-06-2018 ]