padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Albertina d’Urso. Ti Moun Yo, Children of Haiti


le altre mostre>>>

 

 

Padova, Cortile pensile di Palazzo Moroni, Via del Municipio 1
giovedì 2 settembre 2010 – domenica 26 settembre 2010

Si inaugura mercoledì 1 settembre alle ore 18.30 nel Cortile pensile di Palazzo Moroni la mostra "Albertina d’Urso. Ti Moun Yo, Children of Haiti".
Promossa dall’Assessorato alla Cultura - Centro Nazionale di Fotografia in collaborazione con la "Fondazione Francesca Rava – N.P.H Onlus", l’esposizione presenta una trentina di immagini di grande formato, in bianco e nero, che testimoniano le difficili condizioni economiche, sanitarie e sociali che affliggevano la popolazione dell’isola caraibica già prima che il terremoto del gennaio 2010 la devastasse.
Il lavoro della fotografa milanese raffigura diversi momenti della vita quotidiana della popolazione con una particolare attenzione nei confronti dell’infanzia: infatti, il titolo della mostra "Ti Moun Yo", in creolo, significa proprio "bambini". In mostra li troviamo in momenti e forme diverse della giornata: mentre si aggirano senza meta tra baracche, animali e rifiuti, quando lavorano duramente lungo gli argini dei fiumi, o ancora nelle piantagioni di banane o insieme alle giovani madri.
Albertina d’Urso, nel proprio reportage, scandaglia anche l’interno delle misere baracche che fungono da abitazioni, dove ritrae bambini avvolti in squallidi stracci o addormentati su pagliericci o in fatiscenti brandine.
Non mancano tuttavia immagini che ritraggono i momenti di svago ed aggregazione che i volontari della "Fondazione Francesca Rava", propongono in una città, Haiti appunto, in cui sostengono un ospedale pediatrico, un centro di riabilitazione per bambini portatori di handicap, un orfanotrofio e sedici scuole. È in questo contesto che ritroviamo immortalate quattro ragazzine in divisa scolastica intente nello studio all’interno di una scuola, una piccola orfana in attesa di recarsi a lezione; l’interno dell’ospedale pediatrico St. Damien, a Port au Prince, in cui sono raffigurate delle madri intente a vegliare i figli malati o in attesa di far visitare i propri bambini.
Con un occhio attento e creativo, Albertina d’Urso cattura immagini ed emozioni. Istantanee di una realtà così lontana scaturiscono dalla sua macchina fotografica e diventano motivi di riflessione e lettura di un mondo dai risvolti sempre più drammatici.

Biografia

Albertina D’Urso (Milano, 11/9/1976) si è formata studiando all’ ICP (International Center of Photography) di New York, al TPW (Toscana Photographic Workshops) e all’Agenzia VII. Il suo lavoro è incentrato principalmente su temi sociali, fin da quando, nel 2004, si è recata a Bombay con un’associazione umanitaria: da quell’esperienza è nato un libro, "Bombayslum" (Skira) e una mostra. Nel 2006 ha partecipato alla Missione del comune di Milano a Kabul, i frutti del lavoro svolto in quell’occasione sono confluiti nei libri "Respiro del Mondo 5 Afghanistan, Kabul" e "Km 5072, Milano-Kabul no stop". Nel 2007 è stata selezionata per la masterclass Focus on Monferrato e ha vinto il Premio Canon Giovani Fotografi con il progetto "Welcome to Compton", un reportage sulle gang di Los Angeles. Nel 2008 ha esposto il suo lavoro "Spirit of Shekhawati", reportage su una piccola regione del Rajasthan lasciata indietro dal boom economico indiano. Nello stesso anno, ha partecipato a "Young Blood", rassegna dei talenti Italiani che si sono distinti all’estero nel campo della creatività e della ricerca, e ha ricevuto un Bronze Award al festival Orvieto Fotografia. Ha inoltre ricevuto riconoscimenti agli International Photography Awards (2005, 2006, 2008), al Prix de la Photographie Paris (2006, 2008, 2009) ed è stata tra i nominati per i New York Photo Awards 2009; ha contribuito a diversi libri come "Children, moments of Humanity" (2006) e la serie di libri "Asia Unique" e mostre collettive tra cui "13x17padiglioneitalia", "Scatti per Bene" (Sothebys, Milano, 2005, 2006, 2007, 2008), "Convivio" (FieraMilanocity, Milano, 2008), "Male di Miele" (Wannabe Gallery, Milano, 2008).

La Fondazione Francesca Rava – N.P.H Onlus è la rappresentante in Italia di "Nuestros Pequeños Hermanos", organizzazione umanitaria internazionale fondata in Messico nel 1954 da padre William Wasson (Phoenix, 21/12/1923 – Cottonwood, 16/08/2006).
In 50 anni N.P.H ha salvato dalla strada e cresciuto con amore oltre 25.000 bambini poveri, orfani o abbandonati, ospitandoli nelle sue case ed ospedali in Messico, Guatemala, Honduras, Nicaragua, El Salvador, Repubblica Dominicana, Haiti, Bolivia e Perù.

Informazioni

ALBERTINA D’URSO
TI MOUN YO, CHILDREN OF HAITI

Padova, Cortile pensile di Palazzo Moroni, Via del Municipio 1
2– 26 settembre 2010

Inaugurazione mercoledì 1 settembre 2010, ore 18.30

Mostra a cura di Elena Scantamburlo
Direzione della mostra: Alessandra De Lucia e Enrico Gusella

Orario mostra: tutti i giorni 9.00 - 19.00
Ingresso libero

Info:
Centro Nazionale di Fotografia
Palazzo Zuckermann
Corso Garibaldi 29, 35122 Padova
Tel. 049 8204518/8204530; fax 049 8204532
cnf@comune.padova.it - http://cnf.padovanet.it



Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 19-04-2018 ]