padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Fotografi in città. Otto autori dal Gruppo Fotografico Antenore. Luciano Cammelli|Luca Dionisi|Cristian Doria|Vincenzo Fileccia|Marco Fogarolo|Carlo Maccà|Amleto Sartorato|Alberto Tretti


le altre mostre>>>

 

 

Padova, Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)
sabato 11 settembre 2010 – domenica 31 ottobre 2010

Si inaugura venerdì 10 settembre alle ore 18.30 nella Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa) la mostra "Fotografi in città. Otto autori dal Gruppo Fotografico Antenore".
Promossa dall’Assessorato alla Cultura - Centro Nazionale di Fotografia e a cura di Enrico Gusella, la rassegna è dedicata a otto fotografi del Gruppo Fotografico Antenore di Padova. Otto sguardi diversi sulla realtà, ognuno con una visione fotografica, propria ed originale, del mondo circostante.
La Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa) sarà il luogo deputato alla visione delle fotografie di Luciano Cammelli, Luca Dionisi, Cristian Doria, Vincenzo Fileccia, Marco Fogarolo, Carlo Maccà, Amleto Sartorato e Alberto Tretti, le cui opere in mostra creano un percorso costituito da otto temi trattati con stili e poetiche completamente differenti tra loro.
Così "India" è la serie di fotografie di Luciano Cammelli, che ritrae lo svolgersi della vita quotidiana della popolazione di questo Paese nei pressi di una stazione ferroviaria. Ecco, allora, donne fasciate nei loro sari dai colori sgargianti, passeggeri che attendono l’arrivo del treno e altri che salutano dalle carrozze dei convogli in partenza. Di Luca Dionisi è il reportage "Parigi", costituito da scatti in bianco e nero che colgono i luoghi più frequentati da coloro che visitano la capitale francese, come il Museo del Louvre e la Torre Eiffel, rappresentati attraverso uno sguardo inconsueto: l’attenzione dell’autore è infatti concentrata soprattutto sulla presenza umana che vive dentro questi luoghi. Cristian Doria presenta invece "Circo", che descrive il mondo circense alla ricerca dell’umanità e delle emozioni trasmesse dai suoi protagonisti - clown, domatori di belve feroci, acrobati e trapezisti. Ancora, Vincenzo Fileccia con "Muster Murry Rodeo" segue da vicino la preparazione e le evoluzioni di coloro che partecipano a questo caratteristico evento australiano, catturando i gesti e i volti dei partecipanti da insolite angolature. Le immagini di Marco Fogarolo, scattate all’interno di quattro edifici dismessi (un carcere, un manicomio, una fabbrica ed un mattatoio), indagano, attraverso particolari sfumature o contrasti di luce, il rapporto tra gli spazi e chi vi ha "abitato" nel corso degli anni.
L’obiettivo del fotografo cattura la vita e la sofferenza che hanno caratterizzato quei luoghi in passato attraverso macerie e strutture fatiscenti. Carlo Maccà, invece, presenta una serie di composizioni di conchiglie che diventano espressione del fascino e della loro bellezza formale con i loro colori accesi, sapientemente valorizzati accostando i soggetti marini ad uno sfondo nero.
Mentre di Amleto Sartorato è "Movimento", che coglie il dinamismo della figura umana colta in un contesto quotidiano, trasfigurando la realtà con un effetto di metafisicità. Attraverso l’interpretazione del fotografo i contorni delle figure perdono nitidezza, i colori si mescolano tra loro ed i soggetti vengono decontestualizzati.
Infine il lavoro di Alberto Tretti, intitolato "L.180/78", in riferimento alla legge Basaglia del 1978, rappresenta gli spogli locali di un ex manicomio ormai dismesso. Le tristi condizioni di vita dei degenti allora ospitati nell’ospedale psichiatrico sono ben testimoniate dalle stanze dell’edificio, ora abbandonate, e dai fascicoli personali - cartelle cliniche e documenti - ormai sbiaditi ed impolverati dall’azione del tempo.

Biografie

Luciano Cammelli inizia nel 1960 a fotografare in bianco e nero con una Canonet. Partecipa a vari concorsi fotografici ottenendo premi ed ammissioni a livello regionale. Compie circa una ventina di viaggi in India, durante i quali si interessa della situazione di questo Paese, tanto da costituire un’associazione di volontariato (Idea) a sostegno dei bambini indiani abbandonati.

Luca Dionisi nasce a Padova nel 1973 dove vive tuttora. Consegue la laurea in Ingegneria Gestionale all’Università di Padova. Inizia a fotografare nel 2005, dapprima con una vecchia Reflex analogica, per poi convertirsi al digitale. Predilige generi come il ritratto e la street photography, dove lo scatto è teso a cogliere l’intensità di un gesto o di uno sguardo.

Cristian Doria nasce a Vicenza nel 1971 e acquista la prima Reflex a 15 anni. Il primo serio approccio con la fotografia avviene nel 2005, quando il suo interesse in materia cresce e lo induce a compiere le prime sperimentazioni. La fotografia è sempre stata per lui un fatto intimo. Ama definire i soggetti delle sue fotografie come "cose non dette" dedicandosi specialmente al ritratto, all’espressione e all’individuo.

Vincenzo Fileccia nasce a Palermo nel 1949, è ingegnere e vive a Padova. Inizia a fotografare in giovane età e da qualche anno è passato al digitale, utilizzando anche supporti audiovisivi per aggiungere maggiore forza alle immagini. Ottiene diversi riconoscimenti nazionali tra cui il quarto posto alla 7° Coppa DIAF a Civitavecchia con l’AV "Pendolando" ed espone le proprie opere in diverse mostre in tutta Italia. Il suo interesse principale è la foto di reportage centrata sull’uomo e sul suo ambiente.

Marco Fogarolo nasce a Padova nel 1968. Dopo le prime esperienze fotografiche, dal 1998 si dedica al bianco e nero. Predilige la fotografia architettonica e le geometrie degli spazi urbani, nonché la sperimentazione a livello tecnico. È attualmente Vicepresidente del Gruppo Fotografico Antenore. Presente nella pubblicazione "Fotopadova 2007", partecipa a numerosi contest fotografici nazionali ed internazionali ottenendo diversi riconoscimenti: secondo classificato al "Portfolio Rocca" a san Felice sul Panaro (MO) nel 2003 e primo classificato nel concorso "Città di Bergamo 2003 - sezione Portfolio".

Carlo Maccà si interessa di fotografia fin da studente, negli anni ’50, ma vi si dedica seriamente solamente in età avanzata. Affina così la tecnica e la percezione dello sguardo fotografico tramite lo studio e il confronto con altri artisti.

Amleto Sartorato nasce nel 1957 e inizia a fotografare fin da giovane, dapprima per esigenze collegate alla sua professione, e poi soggetti in movimento durante le competizioni agonistiche, con particolare interesse per quelle motoristiche. Negli ultimi anni, con l’avvento del digitale, ha avuto modo di far conoscere le proprie opere nelle più rinomate Internet Community, partecipando a svariati concorsi fotografici nazionali ed internazionali con esposizioni sia personali che collettive.

Alberto Tretti appassionato di fotografia fin dall’età di 12 anni, impara a fotografare prima con una semplice macchina "punta e scatta", poi con una Reflex manuale, che gli permette di imparare la tecnica ed i meccanismi che compongono uno scatto in maniera più costruttiva e personale. Nei suoi lavori ricerca dei soggetti da studiare a fondo per comunicare senza limitazioni il suo modo di osservarli.

Informazioni

Fotografi in città
Otto autori dal Gruppo Fotografico Antenore
Luciano Cammelli | Luca Dionisi | Cristian Doria | Vincenzo Fileccia | Marco Fogarolo | Carlo Maccà |
Amleto Sartorato | Alberto Tretti

Padova, Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)

Mostra a cura di Enrico Gusella
Direzione della mostra: Alessandra De Lucia

Inaugurazione venerdì 10 settembre, ore 18.30.

Orario mostra: da lunedì a sabato 11.00-13.00 / 15.00-19.00
Domenica: 15,00 – 19,00
Ingresso: libero
Durata: 11 settembre - 31 ottobre 2010

Info:
Centro Nazionale di Fotografia
Palazzo Zuckermann
Corso Garibaldi 29, 35122 Padova
Tel. 049 820 4518 - 4530; fax 049 8204532
cnf@comune.padova.it
http://cnf.padovanet.it


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 24-01-2018 ]