padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

LISA FERRO. MEMENTO


le altre mostre>>>

 

 

PADOVA, GALLERIA SOTTOPASSO DELLA STUA
sabato 18 settembre 2004 – sabato 23 ottobre 2004

Si inaugura sabato 18 settembre 2004 alle ore 18.00 nella Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa) la mostra " Lisa Ferro. Memento".La rassegna promossa dall’ Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo - Centro Nazionale di Fotografia, presenta, attraverso quarantacinque scatti in bianco e nero e a colori, l’ opera della giovane artista veneziana. Lisa ferro con una personale ricerca di affetti familiari, offre uno sguardo intimo nei luoghi di lavoro della produzione del vetro, tra antichi utensili, angoli apparentemente dimenticati, muri corrosi dal tempo e dall’uso. La vecchia fornace sembra in abbandono, tutto è immobile, statico, fermo nella stessa posizione quasi da sempre, ma al tempo stesso centro vitale degli oggetti di vetro.
Così l’artista, con le sue foto, cerca di cogliere frammenti di memoria, di fermare il tempo e di valorizzare il lavoro faticoso dei vetrai muranesi, ma soprattutto avverte l’ esigenza di ripercorrere il proprio passato alla scoperta di ricordi ed emozioni. Lisa Ferro, attraverso la sua creatività dà vita ad una produzione artistica che ha il sapore di una realtà vissuta nella concretezza e di una quotidianità fatta di oggetti e composizioni particolari: una finestra sbarrata da malandate assi di legno, le impronte di una mano sulla porta, la bocca del forno sporca di fumo e cenere, pale arrugginite appoggiate ad una parete di mattoni; ogni dettaglio, ogni piccolo oggetto ha una sua storia. La fornace racconta di uomini e antiche tradizioni, di lavoro e fatica, di momenti di frenetica attività e altri di totale solitudine. Ne è un esempio il vecchio maglione apparentemente abbandonato sullo stipite di una finestra di legno oppure alcuni stracci, quasi spettrali, che si agitano nel vento. Altrettanto suggestive sono le foto che ritraggono scorci particolari di esterni ed interni, come una porta polverosa che si apre in un silenzioso cortile e un piccolo tavolino su cui sono appoggiati alcuni utensili da lavoro che sembrano uscire dall’inquadratura. Le immagini mettono in discussione il tempo che passa inesorabile, vogliono eternare il mondo del maestro vetraio. "Memento", del resto, significa "ricordarsi" e ricordare vuol dire anche riscoprire le proprie origini. Il primo impatto con questi fotogrammi è quasi spiazzante perchè di fronte ad essi si sente la necessità di fermarsi a riflettere, di guardare e capire. Lisa Ferro crea orizzonti, prospettive ardite, accostamenti disinvolti e suggestioni oniriche. Gli anni sembrano aver cancellato ogni presenza umana, lasciando spazio a forme enigmatiche, ad atmosfere metafisiche, le stesse a cui ci riconduce il grande scrittore Fernando Pessoa: "E in mezzo a tutto ciò/cammino per la strada/Un vento lento/mi ha spazzato dal suolo/ed io erro/tra gli avvenimenti/del paesaggio".

BIOGRAFIA

Nata a Venezia nel 1970, città dove vive e lavora, Lisa Ferro nel 1990 si iscrive alla Facoltà di Architettura dove frequenta il corso di Storia e Tecnica della Fotografia tenuto da Italo Zannier.E’ l’ inizio di un interesse che nel giro di pochi anni diventa preponderante e che , a partire dal 1995, la vede esporre in mostre collettive e personali e segnalarsi (più volte come vincitrice) in numerosi concorsi nazionali ed internazionali. Nel 1996 è a Palermo con la mostra "Punti di Vista"e nel 1998 a Cremona vince, con il Portfolio "Sguardi Celati" la prima edizione del premio speciale "Savignano Immagine 1998". Nel 1999 espone a Milano , Padova e contemporaneamente vince il premio "Batana" nel X Salone internazionale d’arte fotografica di Rovigno, (Croazia). Da alcuni anni collabora alla direzione dell’Associazione Universitaria Arc-Cine-Foto dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia, allestendo mostre e manifestazioni. Nel 2000 l’ Associazione ha organizzato il I° Concorso Fotografico Nazionale: "il cinefestival in & out", di cui curerà le successive edizioni. E’ stata invitata a partecipare al Premio Internazionale d’ Arte Casoli ed a fotografare la Ciociaria. Nello stesso anno a Cittadella , Brescia, Torino, Palermo, Mogliano espone la personale "Oltre la Superficie".
Nel 2002 è stata invitata a Foiano Fotografia (Arezzo); ha tenuto mostre a Villa Nazionale Pisani (Stra) e nello spazio Temporaneo Contemporaneo del Museo Nazionale di Roma, presso la Stazione Termini della capitale in quanto selezionata nell’ambito del concorso internazionale "Fotoesordio 02" organizzato dall’ Università di Roma Tor Vergata.
Le sue opere sono conservate all’ Ecole Nationale de la Photographie d’ Arles in Francia, alla Fondazione Italiana per la Fotografia di Torino, al Museo della Fotografia di Trieste e al Museo Nazionale della Fotografia di Brescia.
Attualmente sta fotografando interni veneziani per un libro commissionato da una nota casa editrice spagnola che uscirà entro l’ anno.




Mostra promossa dall’Assessorato alla Cultura - Centro Nazionale di Fotografia, a cura di Enrico Gusella



Mostra a cura di Enrico Gusella
Padova, Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)
18 settembre 2004 - 23 ottobre 2004

Informazioni

Centro Nazionale di Fotografia, via Isidoro Wiel 17 - 35127 Padova
tel. 049 8721598 - 049 8722531
e-mail: gusellae@comune.padova.it
http://cnf.padovanet.it


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 23-04-2018 ]