padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Vittorio Valentini


le altre mostre>>>

 

 

Padova, Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)
sabato 18 dicembre 2004 – sabato 5 febbraio 2005

Si inaugura sabato 18 dicembre 2004 alle ore 19.00 nella Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa) la mostra " Vittorio Valentini - L’Io e l’altro".

La rassegna, promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo - Centro Nazionale di Fotografia, in collaborazione con docenti e studenti dell’Università di Padova- Corso di Laurea in Cultura e tecnologia della moda, presenta una ricerca sui manichini nata agli inizi degli anni ottanta e costituita da 60 fotografie a colori quale testimonianza dell’evolversi dei costumi e dell’indagine sui nuovi canoni estetici.
Infatti, dai primi scatti di Eugène Atget sulle vetrine della Parigi dell’Ottocento, alle metafisiche teste di De Chirico, fino alle impassibili modelle di Vanessa Beecroft, il manichino è simbolo e fonte di ispirazione per l’arte contemporanea. Ne "L’Io e l’altro", l’indagine di Valentini è tesa a un gioco suggestivo di scambi tra interno ed esterno, tra vero e falso, come tra due dimensioni o due universi paralleli: il mondo reale e "manichinia".
Valentini fonda la sua analisi fotografica sull’ambiguità dell’immagine, scaturita dai manichini dei negozi, tra le principali città italiane ed estere, realizzando una sorta di metafora dell’umanità, scandagliando sia gli abbigliamenti imposti dal continuo mutamento delle mode, che i corpi che si trasformano alla ricerca di nuovi canoni estetici, nei quali il vero interagisce con l’inverosimile e l’Io dialoga con l’Altro.
Così, le sue donne in guêpière e reggicalze, dagli sguardi languidi che ammiccano da dietro la vetrina sono il leitmotiv degli anni Ottanta; formose pin up dalle capigliature vaporose ci trasportano negli anni Novanta; figure androgine e futuristiche ci proiettano nel presente; corpi che si trasformano, si plasmano alla ricerca di nuovi canoni estetici, figure umane che si riflettono e si confondono nelle vetrine delle città in continua evoluzione, mentre i passanti osservano i loro cloni ignari di essere in un certo senso osservati a loro volta.
Il percorso del fotografo emiliano si snoda nella storia recente dell’oggetto-manichino, quale essere inteso come cosa ma anche come azione, così simile a noi da confonderci e destabilizzarci; dalle foto traspare bellezza, sensualità, forza e vitalità ma allo stesso tempo tecnologia aliena e robotizzata: è questa la vita osservata dalle due parti delle vetrine, è questa la forza concettuale della ricerca del fotografo.

Biografia

Vittorio Valentini, nato nel 1944 a Villa Bartolomea (Vr), dopo aver conseguito gli studi superiori nella città di Bologna, dove attualmente abita e lavora, diviene assistente fotografo presso una delle maggiori agenzie pubblicitarie collaborando a molte campagne promozionali per famose aziende. Verso la fine degli anni Sessanta è al CNEN (Comitato Nazionale per l’Energia Nucleare) quale responsabile del Servizio Audiovisivi del Centro di Bologna. In seguito è alla Direzione Centrale Relazioni dell’ENEA ( Ente per le Nuove tecnologie, l’Energia e l’Ambiente – ex CNEN), di cui cura l’immagine iconografica, organizzando la documentazione fotografica attraverso la produzione di opuscoli informativi, libri-strenna, calendari, poster e audioviosivi scientifici. Contemporaneamente espone i propri lavori in mostre personali e collettive: Galleria d’ Essai di Bologna, SICOF di Milano, Comune di Bentivoglio, GAM di Bologna, Accademia dei Lincei di Roma, Circolo Pigmalione di Bologna, Galleria PHI di Trieste, FotoPadova, Galleria Zina d’ Innella di Bari, Comune di Bologna (Sala d’Ercole – Palazzo d’Accursio).
Ha tenuto lezioni sulla fotografia, nell’ambito di un corso di formazione professionale sulle tecniche audiovisive, organizzato dalla Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento S.Anna di Pisa e dalla Regione Toscana.
I suoi lavori sono stati selezionati ed acquisiti dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione (C.S.A.C) dell’Università di Parma.
Fotografo professionista, è socio dell’AICS (Associazione Italiana di Cinematografia Scientifica) e della FIAF. Collabora con case editrici e studi grafici.Accompagna la mostra un catalogo a cura di Enrico Gusella con le presentazioni del Sindaco Flavio Zanonato, dell’Assessore alle Politiche Culturali e Spettacolo Monica Balbinot e i testi critici di Caterina Virdis Limentani, Livio Billo, Peter Weiermair e dello stesso Gusella.

Informazioni

Mostra promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e dello Spettacolo - Centro Nazionale di Fotografia, a cura di Enrico Gusella



Mostra a cura di Enrico Gusella
Padova, Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)
18 dicembre 2004 – 29 gennaio 2005



Centro Nazionale di Fotografia
Tel. e Fax 049 8721598 – 049 8722531 e-mail: gusellae@comune.padova.it
http://cnf.padovanet.it


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 17-08-2018 ]