padovanet mappa  

Padova Aprile Fotografia 2010
   

sezioni

link

Interni

Esterni

a cura di
  • Centro nazionale di fotografia
  • Comune di Padova - Settore Servizi istituzionali e Affari generali
  • Palazzo Moroni, via del Municipio 1 (Torre Anziani) - 35122 Padova
  • telefono 049 8204519
  • fax 049 8237557
  • e-mail: cnf@comune.padova.it
  • Sito internet: cnf.padovanet.it
  • Coordinatore
    Enrico Gusella

Matilde Montanari. Proiezioni di un desiderio


le altre mostre>>>

 

 

Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa)
sabato 12 febbraio 2005 – sabato 26 marzo 2005

Si inaugura venerdì 11 febbraio alle ore 18.30, nella Galleria Sottopasso della Stua (Largo Europa), la mostra fotografica "Matilde Montanari - Proiezioni di un desiderio".
Promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia, la rassegna dell’artista bolognese, la prima della serie "Racconti di donne", indaga i rapporti fra ambiente e sfera privata, la normalità del quotidiano e l’opportunità di interagire col reale fino a produrre immagini magiche, libere e senza tempo.
La mostra è frutto di un percorso interiore di carattere autobiografico teso a raccontare e ad analizzare spazi domestici e privati. La fotografa bolognese esprime così sensazioni ed emozioni nate dentro i propri ambienti quotidiani, attraverso descrizioni interiori e personali.
Entrando in punta di piedi in un privato altrui – quello appunto di Matilde Montanari – lo spettatore è chiamato ad osservare attentamente gli innumerevoli particolari che accompagnano la vita di chi abita quelle stanze ridondanti e private. Scorrendo le foto dell’artista si avverte, infatti, l’importanza di raccontare, prima a sé stessa e poi ad altri, gli spazi vitali e gli ambienti in cui si sono susseguite le sue esperienze più intime e indimenticabili, quale espressione di affetti e nostalgie.
Non è casuale, quindi, che ad un primo sguardo, la figura femminile non sia così immediatamente intuibile in quanto chi osserva è richiamato da un esterno caotico e rumoroso all’interno di stanze accoglienti che parlano e profumano della vita di chi le abita. Lentamente la percezione di questo ambiente saturo si affievolisce lasciando spazio ad altre immagini attraverso atmosfere languide e malinconiche. Lo sguardo, allora, corre fra oggetti, colori, specchi e divani, fino a intravedere la figura nuda dell’artista, discreta ma consapevole, percepibile più che visibile; ed è proprio in questa prospettiva che lo spazio fotografato, così ricco di dettagli di arredamento, risalta in primo piano, esaltando allo stesso tempo, sulla scena, la presenza femminile.
Il tempo, nelle immagini di Matilde Montanari, scorre in due dimensioni parallele, quella dell’osservatore e quella immobile e pensosa della donna ritratta mentre vive la sua esistenza e i suoi ambienti domestici come se nessuno la stesse osservando. La casa gialla continua ad esistere e a vivere, custodendo la giovane donna fra i suoi colori e i suoi profumi, bloccata in una dimensione immortale, mentre lo scorrere del tempo invecchia il suo corpo e ricopre di polvere le tappezzerie e il barocco corredo di accessori delle stanze.
È secondo questa prospettiva che gli autoritratti della Montanari risultano essere l’ideale strumento per rappresentare la dualità dello scorrere del tempo, l’interazione con gli oggetti e con le atmosfere domestiche in cui ama vivere, rendendo superflua ogni altra presenza che non appartenga al proprio suggestivo quadro autobiografico.

Matilde Montanari, nata a Bologna nel 1979, si rivela al pubblico presentando nel 2000, a Trebnitz (Berlino), il suo lavoro Effetti collaterali, opera riproposta l’anno seguente a Verona.
Con il suo secondo progetto, Proiezioni di un desiderio, vince nell’estate del 2003 il Premio Portfolio Giovane Fotografia in Italia e si classifica al secondo posto del Premio Le Logge del TFF. Nello stesso anno partecipa alla mostra collettiva Quelli di Franco Fontana a Massa Marittima.
Sempre nella città toscana nel 2004 espone il progetto Proiezioni di un desiderio, nello stesso anno con il medesimo lavoro partecipa alla collettiva Nudi fuori a Bologna e al Portfolio Giovane Fotografia in Italia a Padova e a Berlino.


Mostre personali

Proiezioni di un desiderio, Galleria Sottopasso della Stua, Padova, 2004.
Proiezioni di un desiderio, Massa Marittima, 2004.
Effetti collaterali, Centro culturale Malacarne, Verona, 2001.

Mostre collettive

Nudi fuori, Galleria Studio Ercolani, Bologna, 2004.
Portfolio giovane fotografia in Italia, Galleria Kunsthaus Tacheles, Berlino, 2004.
Portfolio giovane fotografia in Italia, Galleria Sottopasso della Stua , Padova, 2004.
Portfolio giovane fotografia in Italia, Galleria Civica di Modena, 2003.
Quelli di Franco Fontana, Castello di Monteregio, Massa Marittima, 2003.
Effetti collaterali, Trebnitz (Berlino), 2000.


Mostra promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Spettacolo – Centro Nazionale di Fotografia di Padova, a cura di Enrico Gusella


Mostra a cura di Enrico Gusella
Galleria Sottopasso della Stua
12 febbraio 2005 - 26 marzo 2005

Informazioni

Centro Nazionale di Fotografia
Tel 049 8721598 / 049 8722531
e-mail:gusellae@comune.padova.it
http://cnf.padovanet.it


Torna su

 

 

Link esterni



Torna su

 

 

 
A cura di:
Enrico Gusella

Padovanet | Mappa | Cerca

[ ultimo aggiornamento: 24-01-2018 ]